La piccola principessa

La piccola principessa

€7.90 -5% €7.51
Aggiungi al carrello
0001:
0002: Classici ragazzi scuola
0003:
0004: 2020
0005: 220
0006:
0007:
0008: Fanucci Editore
0009: 9788834733103

I bambini ricchi e poveri dovevano piacere proprio tanto a Frances Hodgson Burnett. Come la povera Sara Crewe, che arriva nella scuola londinese dove dovrà stare confinata aspettando il suo papà viaggiatore per affari, precipita dalla condizione di cocca della direttrice a quella di domestica tenuta per pietà quando il babbo muore e la sua fortuna sembra svanita. Però è buona, è sempre buona, questa piccola Sara: sia quando è una pupa privilegiata, con tanti giocattoli e cibi da condividere, sia quando il freddo e le umiliazioni dovrebbero inacidirla. È proprio nelle difficoltà che il suo carattere, se ne aveva bisogno, si tempra e si addolcisce ancora di più. E così quando giustizia sarà fatta, e Sara tornerà in possesso della sua eredità, sarà tutto meritato, fino all’ultimo diamante.

I diamanti ce li ha negli occhi: prismi straordinari che le consentono di vedere colori dove c’è solo grigio, bellezza dove c’è lo squallore. E a forza di impegnarsi a guardare, tornerà a vedere quello che desidera: se il papà non c’è più, perché così a volte va il mondo, ci sono tanti amici, guadagnati con l’attenzione, il garbo, la disposizione di chi non dimentica mai che la gentilezza è la forza mite che fa girare la Terra.

Con un apparato didattico per l'analisi e la comprensione testuale e con l'Introduzione di Beatrice Masini.

Titolo La piccola principessa
Autore Frances Hodgson Burnett


Frances Hodgson Burnett

Frances Hodgson Burnett (1849-1924), commediografa e scrittrice inglese, è nota soprattutto per le sue storie per ragazzi, in particolare Il giardino segreto, La piccola principessa e Il piccolo Lord, adattati più volte per il cinema e la televisione. Trasferitasi negli Stati Uniti, iniziò a scrivere per aiutare la famiglia e vide la pubblicazione della sua prima opera, That Lass o’ Lowrie’s, nel 1877. I suoi racconti circolavano già  regolarmente sulle pagine delle maggiori riviste dell’epoca, riscuotendo l’apprezzamento dei lettori soprattutto per la capacità di affiancare  la vena romantica a un taglio realistico.

I bambini ricchi e poveri dovevano piacere proprio tanto a Frances Hodgson Burnett. Come la povera Sara Crewe, che arriva nella scuola londinese dove dovrà stare confinata aspettando il suo papà viaggiatore per affari, precipita dalla condizione di cocca della direttrice a quella di domestica tenuta per pietà quando il babbo muore e la sua fortuna sembra svanita. Però è buona, è sempre buona, questa piccola Sara: sia quando è una pupa privilegiata, con tanti giocattoli e cibi da condividere, sia quando il freddo e le umiliazioni dovrebbero inacidirla. È proprio nelle difficoltà che il suo carattere, se ne aveva bisogno, si tempra e si addolcisce ancora di più. E così quando giustizia sarà fatta, e Sara tornerà in possesso della sua eredità, sarà tutto meritato, fino all’ultimo diamante.

I diamanti ce li ha negli occhi: prismi straordinari che le consentono di vedere colori dove c’è solo grigio, bellezza dove c’è lo squallore. E a forza di impegnarsi a guardare, tornerà a vedere quello che desidera: se il papà non c’è più, perché così a volte va il mondo, ci sono tanti amici, guadagnati con l’attenzione, il garbo, la disposizione di chi non dimentica mai che la gentilezza è la forza mite che fa girare la Terra.

Con un apparato didattico per l'analisi e la comprensione testuale e con l'Introduzione di Beatrice Masini.