Voi non mi conoscete

Voi non mi conoscete

Autore: Imran Mahmood
€18.00 -5% €17.10
0001:
0002: narrativa
0003:
0004: 2022
0005:
0006:
0007:
0008: TimeCrime
0009: 9788866884811

Un imputato senza nome è accusato di omicidio. Le prove sono schiaccianti. Ma poco prima delle arringhe conclusive il giovane licenzia il suo avvocato e pronuncia un lungo discorso in propria difesa. Riguarda la donna che ama, che è finita in grossi guai, e il modo in cui ha rischiato ogni cosa per salvarla. L’avvocato gli ha detto di non raccontare tutta la storia, ma lui ha deciso di fare a modo suo; è della sua vita che si tratta... fino a prova contraria. A volte, la verità può essere troppo difficile da spiegare o da credere, eppure, se anche finirà con una condanna, meglio morire avendola detta.

Titolo Voi non mi conoscete
Autore Imran Mahmood


Imran Mahmood

Imran Mahmood è un avvocato con trent’anni di esperienza, trascorsi affrontando casi in tribunale. Originario di Liverpool, vive a Londra con la moglie e le figlie. Il suo romanzo d’esordio You Don’t Know Me Voi non mi conoscete è stato scelto da Simon Mayo per la BBC Radio 2 Book Club Choice, candidato per il premio Theakston Old Peculier Crime Novel come miglior thriller dell’anno, e selezionato per il CWA Gold Dagger. È stato adattato dalla BBC One in una serie drammatica da quattro episodi, ora disponibile su Netflix. Imran Mahmood è anche l’autore di I Know What I Saw, di prossima pubblicazione in questa collana.

Un imputato senza nome è accusato di omicidio. Le prove sono schiaccianti. Ma poco prima delle arringhe conclusive il giovane licenzia il suo avvocato e pronuncia un lungo discorso in propria difesa. Riguarda la donna che ama, che è finita in grossi guai, e il modo in cui ha rischiato ogni cosa per salvarla. L’avvocato gli ha detto di non raccontare tutta la storia, ma lui ha deciso di fare a modo suo; è della sua vita che si tratta... fino a prova contraria. A volte, la verità può essere troppo difficile da spiegare o da credere, eppure, se anche finirà con una condanna, meglio morire avendola detta.

Immaginiamo che ora, mentre analizza le otto prove contro di lui, la sua vita sia nelle nostre mani. Noi lettori – membri della giuria – dobbiamo mantenere la mente aperta perché giura di essere innocente. Avete ragione, lo dicono tutti. Ma la sua difesa solleva tanti interrogativi, e alla fine ciò che conta sarà: gli crederemo oppure no?