TUTTI I RACCONTI 1947-1953 #1

TUTTI I RACCONTI 1947-1953 #1

Autore: DICK PHILIP K.
€22.00
Aggiungi al carrello
0001:
0002: NUMERI UNO
0003:
0004:
0005:
0006:
0007:
0008: FANUCCI
0009: 9788834731291

Trentatre' racconti, pubblicati tra il 1947 e il 1953, di un Philip K. Dick che muove i primi passi nella letteratura fantascientifica: storie che possono essere raggruppate in tre categorie principali, quella basata sul grimmick, la trovata che risolve un complesso quadro di indizi volti a porre l'enigma di una civilta' aliena, quella dei racconti di fantasia, in cui l'immaginazione dickiana puo' uscire dagli schemi ed esprimersi al meglio, e quella fondata sul tema della guerra, una delle sue ossessioni, che risente ancora delle visioni apocalittiche con cui l'umanita' ha visto schiudersi il secondo conflitto mondiale. I principali temi cari all'autore sono quasi tutti gia' presenti in questa antologia: il rapporto con Dio, la diversa percezione del reale e le sue differenti sfaccettature, il conflitto tra vita biologica e artificiale, l'angoscia dell'impossibilita' di comunicare con gli altri e l'attenta osservazione della societa' e del mondo intero.

Titolo TUTTI I RACCONTI 1947-1953 #1
Autore DICK PHILIP K.
Tipo Libro


Trentatre' racconti, pubblicati tra il 1947 e il 1953, di un Philip K. Dick che muove i primi passi nella letteratura fantascientifica: storie che possono essere raggruppate in tre categorie principali, quella basata sul grimmick, la trovata che risolve un complesso quadro di indizi volti a porre l'enigma di una civilta' aliena, quella dei racconti di fantasia, in cui l'immaginazione dickiana puo' uscire dagli schemi ed esprimersi al meglio, e quella fondata sul tema della guerra, una delle sue ossessioni, che risente ancora delle visioni apocalittiche con cui l'umanita' ha visto schiudersi il secondo conflitto mondiale. I principali temi cari all'autore sono quasi tutti gia' presenti in questa antologia: il rapporto con Dio, la diversa percezione del reale e le sue differenti sfaccettature, il conflitto tra vita biologica e artificiale, l'angoscia dell'impossibilita' di comunicare con gli altri e l'attenta osservazione della societa' e del mondo intero.