L'elisir di Mantova

L'elisir di Mantova

€17.00 -5% €16.15
Aggiungi al carrello
0001: Narrativa
0002: Collana Narrativa
0003:
0004: 2019
0005:
0006
0007:
0008: Leggereditore
0009: 9788833750569
Autunno, 1815. Il maggiore austriaco William Roschmann, reduce dalla battaglia di Austerlitz, viene trasferito a Mantova. Lì, durante i festeggiamenti in onore dell’imperatore d’Austria, incontra una creatura all’apparenza fragile ed eterea.
Lei è Matilde Vicolini, testimone di un orribile delitto, asserragliata nelle sue paure. Insieme trovano la forza di combattere i loro demoni interiori ma una serie di attentati minacciano la vita di Matilde e ogni promessa di felicità sembra svanire fra complotti, omicidi e il nascente fervore indipendentista.
Primavera, 1846. Adam Roschmann è un uomo in fuga dalle responsabilità e dal mondo. Figlio di William e Matilde, viene espulso con disonore dall’Accademia militare. Coinvolto in vicende torbide legate al gioco d’azzardo, si dedica a imprese che non dovrebbero riguardare un uomo del suo ceto. Ritornato nei luoghi natali come guardia del corpo di un nobile, si imbatte in Elena, un’amica d’infanzia. Elena Harting sta seguendo le orme del padre, lavora in ospedale e cura i malati proprio come fosse un vero medico. Troppo testarda e intelligente per uno spregiudicato buono a nulla come Adam. Fra Verona e Mantova colpite da un morbo insidioso e la città di Vienna custode di molti segreti, il loro rapporto si trasforma in una pericolosa
altalena di emozioni.
Titolo L'elisir di Mantova
Autore Francesca Cani e Mariachiara Cabrini


Autunno, 1815. Il maggiore austriaco William Roschmann, reduce dalla battaglia di Austerlitz, viene trasferito a Mantova. Lì, durante i festeggiamenti in onore dell’imperatore d’Austria, incontra una creatura all’apparenza fragile ed eterea.
Lei è Matilde Vicolini, testimone di un orribile delitto, asserragliata nelle sue paure. Insieme trovano la forza di combattere i loro demoni interiori ma una serie di attentati minacciano la vita di Matilde e ogni promessa di felicità sembra svanire fra complotti, omicidi e il nascente fervore indipendentista.
Primavera, 1846. Adam Roschmann è un uomo in fuga dalle responsabilità e dal mondo. Figlio di William e Matilde, viene espulso con disonore dall’Accademia militare. Coinvolto in vicende torbide legate al gioco d’azzardo, si dedica a imprese che non dovrebbero riguardare un uomo del suo ceto. Ritornato nei luoghi natali come guardia del corpo di un nobile, si imbatte in Elena, un’amica d’infanzia. Elena Harting sta seguendo le orme del padre, lavora in ospedale e cura i malati proprio come fosse un vero medico. Troppo testarda e intelligente per uno spregiudicato buono a nulla come Adam. Fra Verona e Mantova colpite da un morbo insidioso e la città di Vienna custode di molti segreti, il loro rapporto si trasforma in una pericolosa
altalena di emozioni.