Il sangue dei baroni

Il sangue dei baroni

Autore: Matteo Strukul
€4.99
0001:
0002: TimeCrime
0003:
0004: 2016
0005: 280
0006:
0007:
0008:
0009: 9788866882725
Nella Libera Università di Padova, Daniele Capovilla è appena stato giudicato inidoneo per un posto di ricercatore. Gli è stata preferita Carola De Marchi, figlia del barone universitario Carlo Alberto De Marchi, potentissimo preside della facoltà di giurisprudenza che punta al rettorato. Nel tentativo di fermare la sua marcia trionfale a lui si contrappone solo Enrico Zaramella, astro nascente del diritto internazionale e marito fedifrago. Prossimo al fallimento personale e alla rottura con la moglie, Capovilla decide di architettare il più rischioso dei ricatti ma, così facendo, innesca una spirale di violenza che, un po’ alla volta, coinvolge la massoneria, una coppia di gangster psicopatici e l’amante ninfomane di Zaramella. Mentre la vita borghese di quest’ultimo cade a pezzi e la figlia di De Marchi viene misteriosamente rapita, forse dal serial killer che sta terrorizzando la città con il nome di Cacciatore di scalpi, la situazione all’università precipita fra rivelazioni compromettenti. Senza contare che è ormai imminente il convegno al quale parteciperà anche il rettore, l’inflessibile professoressa Maria Luisa Rognoni, che sogna di incastrare De Marchi e Zaramella per metterli finalmente al loro posto.

In un turbine di azione e dialoghi sfreccianti, Matteo Strukul firma una commedia nera e irriverente, figlia della grande letteratura americana di Elmore Leonard e Joe R. Lansdale e del cinema dei fratelli Coen.

Titolo Il sangue dei baroni
Autore Matteo Strukul


Matteo Strukul

Matteo Strukul è nato a Padova nel 1973. Laureato in giurisprudenza e dottore di ricerca in diritto europeo, è stato definito dalla stampa “lo scrittore più rock d’Italia” e “grande irregolare”.

Ha pubblicato con Mondadori il thriller storico La giostra dei fiori spezzati, per le Edizioni e/o ha firmato la trilogia dedicata alla killer veneta Mila Zago: La ballata di Mila, Regina nera e Cucciolo d’uomo, e per Multiplayer Edizioni è uscito I Cavalieri del Nord, il suo primo fantasy storico. Con Il sangue dei baroni fa il suo ingresso nel catalogo Fanucci. I suoi romanzi sono in corso di pubblicazione in venti Paesi e opzionati per il cinema.

Matteo Strukul scrive per le pagine culturali del Venerdì di Repubblica e vive insieme a sua moglie Silvia fra Padova, Berlino e la Transilvania. Il suo sito internet è matteostrukul.com.

Nella Libera Università di Padova, Daniele Capovilla è appena stato giudicato inidoneo per un posto di ricercatore. Gli è stata preferita Carola De Marchi, figlia del barone universitario Carlo Alberto De Marchi, potentissimo preside della facoltà di giurisprudenza che punta al rettorato. Nel tentativo di fermare la sua marcia trionfale a lui si contrappone solo Enrico Zaramella, astro nascente del diritto internazionale e marito fedifrago. Prossimo al fallimento personale e alla rottura con la moglie, Capovilla decide di architettare il più rischioso dei ricatti ma, così facendo, innesca una spirale di violenza che, un po’ alla volta, coinvolge la massoneria, una coppia di gangster psicopatici e l’amante ninfomane di Zaramella. Mentre la vita borghese di quest’ultimo cade a pezzi e la figlia di De Marchi viene misteriosamente rapita, forse dal serial killer che sta terrorizzando la città con il nome di Cacciatore di scalpi, la situazione all’università precipita fra rivelazioni compromettenti. Senza contare che è ormai imminente il convegno al quale parteciperà anche il rettore, l’inflessibile professoressa Maria Luisa Rognoni, che sogna di incastrare De Marchi e Zaramella per metterli finalmente al loro posto.

In un turbine di azione e dialoghi sfreccianti, Matteo Strukul firma una commedia nera e irriverente, figlia della grande letteratura americana di Elmore Leonard e Joe R. Lansdale e del cinema dei fratelli Coen.

Il libro del mese