Il cerchio del robot

0001: Narrativa
0002: Collezione Immaginario Dick
0003:
0004: 2013
0005: 304
0006: Fabio Zucchella
0007:
0008: Fanucci Editore
0009: 9788834721247

San Francisco, anni Cinquanta. Jim Briskin è uno speaker radiofonico di successo che non riesce a lasciarsi definitivamente alle spalle il rapporto con la sua ex moglie Patricia. Art Emmanual è un assiduo ascoltatore del programma di Jim e vive in un seminterrat insieme a sua moglie Rachael, da cui sta per avere un bambino. Vite il cui unico punto di contatto è la voce di una radio si intersecano in occasione di una cena a casa della giovane coppia, durante la quale ciò che resta delle macerie del matrimonio di Jim e Patricia – la loro distruttiva interdipendenza, quel destino di perdizione che, inesorabile, li accomuna – finirà per contagiare le 'normali' esistenze dei due ragazzi. Art sarà sedotto da Patricia e si ritroverà invischiato in una relazione che screditerà entrambi, mentre Rachael seguirà Jim in Messico, affidando all'uomo la propria vita e quella del bambino che ha in grembo. Fanno da sfondo le insicurezze dell'America del Dopoguerra, di due generazioni in cerca di nuovi punti di riferimento e separate da una distanza netta, nella quale Philip K. Dick colloca con notevole capacità immaginifica personaggi improbabili e incoerenti. Alla fine, l'unica via per Jim e Pat sarà quella di tornare sui propri passi, rinnegando gran parte della loro esistenza e segnando la propria sconfitta.




Il cerchio del robot è allo stesso tempo terrificante, esilarante e commovente... Solo Philip K. Dick avrebbe potuto scriverlo.

James P. Blaylock

I fan di Philip K. Dick metteranno Il cerchio del robot negli scaffali più alti della loro libreria ideale.

Richard A. Lupoff

Il cerchio del robot conferma una volta di più che Philip K. Dick è un 'grande', uno di quegli scrittori che nascono ogni tre o quattro generazioni.

Pat Cadigan

Non mi stupirei se fra cinquanta o cento anni, in retrospettiva, Philip K. Dick venisse considerato il più grande romanziere americano della seconda metà del XX secolo.

Norman Spinrad

Philip K. Dick

Philip Kindred Dick (Chicago, 1928 – Santa Ana, California, 1982) è tra i più importanti

autori della narrativa americana del secondo dopoguerra. Ha scritto capolavori come La svastica sul sole, Ma gli androidi sognano pecore elettriche? e La trilogia di Valis, romanzi che hanno anticipato e segnato profondamente l’immaginario letterario e cinematografico degli ultimi decenni, ispirando pellicole cult come Blade Runner di Ridley Scott o Minority Report di Steven Spielberg. Maestro indiscusso della fantascienza, definito da Stanislaw Lem “un visionario tra i ciarlatani”, Philip K. Dick si esprime al di là di ogni etichetta, ridisegnando con un approccio del tutto personale i canoni del genere. Al festival di fantascienza di Metz del 1977, l’autore afferma davanti a un pubblico sbigottito che i suoi romanzi sono in un certo senso “veri”: è questa la grande rivoluzione di Philip K. Dick, l’aver abbattuto i confini tra reale e immaginario, creando inedite narrazioni della realtà, merito che oggi gli viene riconosciuto da critica e lettori. Fanucci Editore pubblica in esclusiva in Italia tutta la produzione di Philip K. Dick, completata nel 2015 con L’Esegesi.

Ti suggeriamo anche...
Marchi editoriali